Il muro della propaganda bellica inizia a mostrare vistose crepe, dalla sconfitta dei neonazisti dell’Azov, (descritti come irriducibili …

source